Musei nel web: Musei Vaticani

by Cristian Camanzi

Oggi vi parleremo di uno dei musei più visitati al mondo: i Musei Vaticani.

Più che un museo una galassia di musei che racchiudono dei capolavori straordinari. Quindi molto probabilmente penserete che un’istituzione del genere sia all’avanguardia anche nella sua attività internet e social, ma in realtà vi riserverà delle sorprese. Una premessa però va fatta riguardo alla direzione dei musei.

Recentemente c’è stato un cambio decisivo ai vertici e ora i Musei Vaticani hanno una nuova direttrice, la prima donna della sua storia. Si tratta di Barbara Jatta e sicuramente oggi anche la presenza di questi musei sul web sta vivendo un periodo di riorganizzazione e di restyling che richiederà un po’ di tempo. Ad ogni modo, i Musei Vaticani hanno un sito tradotto in inglese, francese, spagnolo e tedesco che trovate all’indirizzo web www.museivaticani.va/content/museivaticani/it.html e che ora andremo a vedere nel dettaglio.

Il sito del museo

Il sito dei Musei Vaticani ha subito recentemente un forte restyling. Ce lo conferma in effetti una grafica moderna e una suddivisione e presentazione dei molti contenuti realizzata con uno stile dinamico e fresco. Principalmente la navigazione è possibile attraverso un primo menù collocato a sinistra e un secondo situato in basso. Al centro di tutto invece spicca un video di presentazione generale dei musei.

Dal menù di sinistra accediamo a una serie di interessanti contenuti: alla voce “esplora” ci si apre tutto un mondo di sottocategorie che includono informazioni sulla visita, sulle collezioni, sulla storia dei musei, eventi e novità, ville e giardini. Scorrendo in basso troviamo una finestra di ricerca, le info generali, il collegamento al ricco shop dei musei, i collegamenti ai social, alla newsletter e la pagina “sostienici”.

Nella barra orizzontale in basso sono sostanzialmente riproposte le aree tematiche che già abbiamo visto alla voce “esplora” e che veramente ci metto a disposizione tantissimo materiale per conoscere meglio questa istituzione. Un sito quindi ricco, ben fatto, dotato di una buona grafica e perfino di un logo che rende ben riconoscibili questi musei.

I Musei Vaticani sui social media

Passando ai social arriviamo però alle dolenti note. Ebbene i Musei Vaticani ad oggi sono presenti solo su Youtube. Crediamo che ciò sia una grave mancanza perché se è vero che certo non hanno bisogno questi musei di attirare pubblico o farsi pubblicità, è altrettanto vero che gli spazi nei social network non servono solo a farsi conoscere.

Crediamo noi di Arternative che avere una pagina Facebook, un profilo Twitter o Instagram sia un modo importante per costruire un legame con il pubblico che visita il museo o che lo visiterà. Per i Musei Vaticani sarebbe poi anche un modo per togliersi di dosso quell’immagine di istituzione sacra, irraggiungibile e un forse po’ distaccata.

Un grande lavoro di archiviazione digitale

Un elemento spicca su tutti. Ovvero il fatto che i musei stiano lavorando alacremente per digitalizzare, al pari dei più grandi musei del mondo, le proprie collezioni.

Già ad oggi possiamo accede a tantissime informazioni e a schede che includono foto ad alta risoluzione. Il catalogo online dei Musei Vaticani presenta le informazioni essenziali relative alle opere d’arte esposte lungo il percorso di visita, suddivise per museo e ricercabili partendo da descrizione, titolo, autore, data, collocazione e inventario. Per il visitatore on-line è quindi possibile già fare un’esplorazione virtuale molto completa dei musei, preparandosi anche a una visita “reale”.

Noi di Arternative crediamo che i musei del futuro si dovranno dotare sempre più di questi strumenti di navigazione virtuale, mettendo in rete le proprie collezioni. A ciò si dovranno aggiungere dei modi accattivanti per esporre e rendere accessibili questi contenuti. E l’app Quick Museum da noi ideata può senz’altro essere un buon strumento di partenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia commento